Anima News, News e Articoli

Psicogenealogia e Tarocchi: quando l’albero parla di noi e ci parla

Perché mai in certe famiglie, su diverse generazioni, il primo figlio muore in giovane età ? Perché una ragazza “decide” di sposarsi il giorno stesso della morte della nonna?Perché ci sono tante donne che non riescono ad aver figli, quando non sussuste alcun problema medico?
A queste domande, e a molte altre, possiamo oggi dare delle risposte grazie al contributo della psicogenealogia, teoria intodotta degli anni 70 da Anne Ancelin Schutzenberger e approfondita più tardi da Alexandro Jodorowsky, il quale l’ha arricchita di una tecnica terapeutica particolare, la psicomgia.
Il postulato principale della psicogenealogia è che esite un inconscio familiare nel quale siamo totalmente immersi fin dalla nascita e che determinerà in modo più o meno latente il nostro destino: dal comportamento amoroso alla salute, dalla scelta della professione al denaro che saremo in grado di guadagnare.
E’ stato costatato e confermato che tutti gli avvenimenti, i traumi, i segreti e i conflitti vissuti dai nostri antenati vengono trasmessi da inconscio a inconscio, da una generazione all’altra, con una precisione matematica come patate bollenti che passano di generazione in generazione scottando le mani ad ogni passaggio.
Generalmente, ripetiamo per pratre alla luce i segetri delle generazioni precedenti. La ripetizione è infatti la strategia inconscia che possiede l’essere umano per prendere coscienza di un segreto iscritto nel passato familiare.
Così, un uomo metterà in pericolo la propria vita guidando in maniera spericolata per portare a galla il suicidio del nonno paterno, che è un tabù familiare; oppure, in un’altra famiglia, nascono solo figli maschi per evitare la riproduzione dell’abuso sessuale del nonno sulla propria figlia… e così via..
Nello studio di un albero genealogico, bisogna prestare particolare attenzione alla ripetizione delle date, poché esse nasondono spesso dei segreti.
Se, per esempio, una data di nascita si ripete in una familgia, esiste forse un segreto riguardante il concepimento, la gravidanza, il parto della persona di cui si ripete la data. Se nasciamo nella data di anniversario di un decesso, esiste forse un segreto intorno alle circostanze di tale decesso ( malattia, suicidio, crimine,ecc..)
Veniamo tutti al mondo con uno “zaino”, più o meno pesante, che contiene tutte le esperienze, i successi, i traumi, i talenti, ecc dei nostri predecessori e tali esperienze ci condizioneranno per tutta la vita.
Solo un lavoro su se stessi finalizzato a portare alla coscienza i meccanismi insconsci che ci pilotano può liberarci da un destino già scritto ed aiutarci a diventare padroni della nostra esistenza.

Lo studio del Tema di Nascita fatto con i Tarocchi (secondo il metodo ideato dal filosofo francese Georges Colleuil) permette di individuare i nodi inconsci che impediscono alla persona di incarnare il proprio cammino di vita e realizzare il proprio talento.
Si tratta di un albero della vita, che si ottiene a partire dalla data di nascita della persona,ed è costituito da 13 Case, ciascuna delle quali contiene una carta dei Tarocchi.
E’ un supporto essenziale per lo studio della personalità dell’individuo, per capire qual è il suo cammino di vita, cioè la sua “missione”, dove è diretta la sua forza vitale, quali sono i punti forti e quelli deboli qual è la problematica fondamentale nella sua e l’ origine di essa.
Lavorando parallelamente sull’albero genealogico della persona, si scoprono generalmente i fardelli inconsci ereditati che spesso bloccano la sua creatività e le impediscono di essere felice.
Se partiamo dal principio che prendere coscienza di una problematica e parlarne non è sufficiente per risolverla, diventa chiaro che la seconda tappa del “processo di guarigione” consiste nel trasmettere all’inconscio le informazioni che si vogliono cambiare o modificare.
Per fare ciò, poiché l’inconscio conosce solo il linguaggio simbolico, bisognerà ricorrere ad atti simbolici di liberazione o restituzione, dati dal terapeuta al consultante.
Lo scopo di questo lavoro è naturalmente quello di liberarsi dalle ingiunzioni negative degli antenati, attingere alle risorse dell’albero e diventare finalmente fedeli a se stessi.
In effetti, è solamente opponendosi agli aspetti distruttivi dell’albero e facendo nostri i suoi tesori potenziali che possiamo realizzare la nostra vera vocazione ed essere felici.

Info sull'autore

Sono nata nel 1971 a Milano, dove ho vissuto fino all’età di 24 anni. Mi sono laureta nel 1996 in Filosofia con indirizzo psicologico all’Università Statale. Nello stesso anno ho ottenuto il diploma di morfopsicologia alla Société Française de Morphopsychologie e seguìto un corso di formazione sul Test del Colore di Luscher con la dott.ssa Mastropasqua. Finiti gli studi, stufa del grigiore milanese, mi sono trasferita in Costa Azzurra, a Cannes, dove ho cominciato a lavorare come professoressa di Italiano, seguendo contemporaneamente una formazione sulla simbologia dei Tarocchi di Marsiglia con Georges Colleuil, filosofo francese, inventore del Referenziale di Nascita, cioè il tema di nascita fatto con i Tarocchi. Nel 1999 ho fatto il mio primo viaggio “iniziatico” in Egitto (seguito da altri in Perù, in Israele, Guatemala, Messico e Ladack) con un gruppo di persone interessate alla meditazione e alla diffusione dell’energia di pace sulla terra. Nel 2000, con la “benedizione” del mio maestro, ho cominciato a fare consulenze sui Tarocchi e il tema natale e seminari a Cannes, Milano e Bologna. Ora lavoro anche a Belluno e Feltre, dove tengo corsi e sedute individuali ogni 2 mesi, più o meno. In questi ultimi 15 anni, ho partecipato a diversi seminari di bio-psicogenealogia, cioè la decodificazione biologica delle malattie, con Gilles Placet e Gerard Athias ( ormai famoso anche in Italia), di sogno da svegli e di gestione delle delle emozioni. Tutte discipline, queste, che faccio convergere oggi nel mio metodo di lavoro e nel mio insegnamento. Ho avuto anche la grande fortuna di conoscere Alexandro Jodorowsky quando ancora insegnava e approfondire con lui la conoscenza dei Tarocchi, della psicogenaologia e della psicomagia. Arricchendosi a mano a mano di nuove esperienze e conoscenze, il mio metodo di lavoro è in continua trasformazione. Oggi, oltre ai seminari sui Tarocchi e il Tema di Nascita, continuo a fare consulenze individuali, in Italia e in Francia: usando come supporto indispensabile la psicogenealogia, la mia finalità è quella di aiutare le persone a liberarsi dell’aspetto distruttivo dell’ albero genealogico per poter esprimere la propria vocazione per far “sorridere “ l’anima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*