Anima News, News e Articoli

L’Energia Segreta dei cibi (parte 2)

Le temperature corporee delle piante sono più basse di quelle di alcune specie animali. Inoltre mentre le piante inspirano anidride carbonica ed espira­no ossigeno, gli animali inspirano ossigeno ed espirano anidri­de carbonica. Infine il colore che contraddistingue la maggior parte delle piante è il verde, il colore della clorofilla, mentre quello che caratterizza gli animali è il rosso, colore dell’emoglobina. Le strutture chimiche della clorofilla e dell’emoglobina sono simili, però nella clorofilla è presente il magnesio e nell’emoglobina il ferro.

Sebbene le specie vegetali siano più espansive di quelle animali e le specie ani­mali siano più contrattive di quelle vegetali, nell’ambito della stessa specie le caratteri­stiche espansive e contrattive presentano vari gradi. Comunque come orientamento generale vale quanto segue: nelle stagioni e nelle regioni calde è bene consumare più ve­getali che in quelle fredde, e possibilmente vegetali più marcatamente espansivi; vice­versa nelle stagioni e nelle regioni fredde è bene consumare vegetali di qualità prevalentemente contrattiva. I vegetali prevalen­temente espansivi espandono la mente e il corpo, rallentano il metabolismo e abbas­sano la temperatura corporea, mentre i vegetali prevalentemente contrattivi restringono la mente e il corpo, attivano il metabolismo e alzano la temperatura corporea. Tuttavia i cibi fortemente espansivi o fortemente contrattivi possono provocare effetti opposti. Per esempio alcuni cibi marcatamente espansivi – come spezie, alcune piante, bevande aromatiche o alcoliche – attivano transitoriamente il metabolismo e alzano la tem­peratura corporea, mentre alcune radici marcatamente contrattive, in particolare quel­le cotte con molto sale o altri aromatizzanti, possono transitoriamente rallentare il metabolismo e abbassare la temperatura corporea.

In sostanza fra i cibi animali è bene dare la preferenza a quelli meno contrattivi – come pesce, molluschi e crostacei – ed è più sicuro consumarli insieme a vegetali per creare una maggiore armonia.

Chi conosce l’ordine naturale può classificare i cibi sia in base all’energia espansiva o contrattiva, sia raggruppandoli in categorie (vedi fig. a lato) Il sedano – poiché si svi­luppa nelle stagioni e nei climi caldi, cresce rapidamente, è fragile e ricco di ac­qua, ha odore e sapore forti, cuoce rapidamente ed è verde chiaro – ha molte caratteristiche espansive. Mentre la carota – poiché è più dura e compatta, cresce più lentamente e continua a crescere nella stagione fredda, è di colore arancione, ha sapore e odore delicati, è meno ricca di acqua e cuoce più lentamente – è una delle più contrattive tra il regno vegetale.

Il frumento, così come tutti gli altri cereali – poiché i loro chicchi so­no molto piccoli e molto compatti – può svilupparsi anche nelle regioni a clima molto freddo, matura lentamente, è duro e poco succoso, è brunastro, ha odore e sapore molto delicati, potremmo definirli cibi intermedi o equilibrati.

Fra i cro­stacei: il gamberetto – poiché è piccolo, rosso o rosa, si muove rapidamente e contiene molti minerali e pochi grassi – può essere associato ai crostacei relati­vamente più contrattivi. Invece la carpa – poiché è grande, morbida, grassa, si muove lentamente e vive nelle correnti calde – è relativamente più espansiva. La trota – poiché vive nei torrenti di montagna, nelle acque fredde, si muove più rapidamente, è dura e compatta e poco grassa – è più contrattiva della carpa. Con gli stessi criteri possiamo noi stessi valutare le qualità espansive o contrattive di tutti i cibi.

Se vuoi approfondire questi concetti e soprattutto sperimentarli nella pratica per vedere i risultati subito su di te puoi partecipare al seminario Vitalità e Benessere che farò a Milano il 2 e 3 giugno 2012 o a Torino il 9 e 10 Giugno 2012.

E’ un seminario formativo con taglio molto pratico e interattivo, perché l’obiettivo principale è che tu possa già da lunedì utilizzare il metodo al meglio e avere da subito dei risultati!

E se ti è piaciuto e ti ha ispirato questo articolo condividilo con chi pensi possa trarne gli stessi benefici. Contribuirai a rendere la sua vita e il mondo un po’ migliore.

Grazie!

Info sull'autore

Golia Vincenzo Pezzulla è diplomato in Naturopatia e laureato in Psicologia, con un Master in Alternative Healing e Ipnosi. Inizia il suo percorso nel 1993, entrando in contatto con diversi maestri taoisti appartenenti a differenti tradizioni, ricevendone gli insegnamenti, spinto dal desiderio di conoscere la medicina orientale e il potere di guarigione insito nel cibo. Ha sviluppato in questo periodo competenze approfondite, spaziando dall’alimentazione tradizionale cinese e taoista alla diagnosi del corpo e del viso, da elementi di chirologia a trattamenti dei meridiani della MTC, studiando a fondo la connessione tra Corpo, Mente e Spirito. In seguito ha ampliato le conoscenze partecipando ad aggiornamenti sull’ipnosi, sulla nutrizione vegetariana in età adulta e pediatrica, e sull’applicazione pratica del test kinesiologico; inoltre ha intrapreso dei percorsi specifici sul riequilibrio dei chakra e specializzandosi sulla stimolazione dei meridiani nel rilascio di emozioni e fobie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*