News e Articoli, Scienza e Spiritualità

La Relazione Passionale

“No, non lasciate chiuse
le porte della notte,
del fulmine, del vento,
di ciò che mai si è visto.
Restino aperte sempre
esse, le ben note.
E tutte, quelle ignote,
che si aprono
sui lunghi percorsi
da tracciare nell’aria,
sulle rotte che stanno
cercandosi un varco
con volontà oscura
e ancora non l’hanno trovato
in punti cardinali.
Mettete altri segnali,
astri, meraviglie;
che si veda chiaramente
che è qui, che tutto
desidera accoglierla.
Perché può venire.
Oggi o domani, o fra mille
anni, o il giorno
penultimo del mondo.
E tutto
Dev’essere così piano
Come la lunga attesa.

Eppure so che è inutile,
che è un gioco mio, tutto,
aspettarla così
come folata o brezza,
temendo che inciampi.
Perché quando lei verrà
sfrenata, implacabile,
a raggiungere me,
muraglie, nomi, tempi,
si frangeranno tutti,
travolti, penetrati irresistibilmente
dall’immensa tempesta del suo amore,
ormai presenza.”

Pedro Salinas
(“La voce a te dovuta”)

Ho voluto aprire il mio discorso con questa splendida lirica di Pedro Salinas perché credo che essa esprima con sublime immediatezza i simboli più peculiari dell’amore passionale: fulmine, vento, tempesta, travolgimento, implacabilità, sfrenatezza.

Perché questo è l’amore che irrompe, brucia, divampa, divora, consuma (e in casi estremi uccide) e non conosce mezze misure, in un’alternarsi incontrollabile di piacere e dolore, vette e abissi.

E la commistione inscindibile di significati opposti è gia contenuta nelle radici etimologiche della parola “passione”: pathos in greco (emozione conturbante, indifferentemente piacevole o dolorosa), e passio in latino, dal verbo pati (patire).

Un’ambivalenza che permane ancora oggi nella lingua italiana, tanto che col medesimo vocabolo definiamo sia la passione di Cristo sulla croce che l’amore per qualcosa o qualcuno: una persona, un animale, un ideale, un’attività, un oggetto, un’espressione artistica.

Come scrive lo psicoterapeuta Luigi De Maio: “La passione è il tendere verso un obiettivo che si desidera intensamente, è una spinta che dà una forza enorme, è un investire interamente se stessi”.

La relazione passionale, etero o omo che sia, è in genere connotata da una forte attrazione sessuale e mentale che si accompagna quasi sempre al romanticismo, ma a differenza della relazione romantica in senso stretto non può prescindere dall’eros e dal conflitto: “…amore, come sempre vorrei coprirti di fiori e d’insulti”, scrive il poeta Vincenzo Cardarelli.

Molto spesso questo tipo di amore stenta a trasformarsi in relazione consapevole (quella che sa vivere il quotidiano, il compromesso e la quiete, puntando ad una stabile durata appagante per entrambi i partner), a meno di non modificarsi nella sua struttura profonda.

Quali valori dobbiamo dunque aspettarci di trovare in un Tema Natale perché si possano individuare la predisposizione, il desiderio e la capacità di lasciarsi andare alla passione?

Se l’amore passionale è fiammante, incontrollato, istintivo e dirompente, il carburante primo ed essenziale è di sicuro l’elemento Fuoco: “ardo d’amore”, dice l’amante all’amato. Un Fuoco che potrà essere veicolato da Pianeti o stellium in Ariete, Leone e Sagittario, oppure collocati nelle Case 1°, 5° e 9° (le Case di Fuoco), ma anche da un Marte di particolare intensità: Marte come fuoco primordiale, Marte come energia vitale e – last but not least – Marte come sesso, componente imprescindibile della relazione passionale.

Come sottolinea George Bataille: “Il dispendio di energia necessaria all’atto sessuale è immenso”.

Potrà quindi trattarsi di un Marte in domicilio o in esaltazione come Segno o come Casa (Ariete-1°Casa, Scorpione-8°Casa, Capricorno-10°Casa), oppure collocato in una Casa di Fuoco (1°, 5°, 9°), ma anche in aspetto col Sole-Io, con Venere-amore, conla Lunaricettività o con l’Ascendente-temperamento.

Particolarmente “forte” può risultare anche un Marte totalmente beneficato o al contrario totalmente leso, e quindi alla ricerca di ossessive conferme, così come un Marte in aspetto con Plutone (a ricostruire valenze arietine o scorpioniche).

E – strano ma vero – piuttosto forte può rivelarsi sul piano dell’eros anche Marte in 12°Casa e/o in Pesci: ad identificare una carica sessuale fuori dalla norma, in qualche modo stra-ordinaria (ne vedremo alcun esempi concreti quando analizzeremo i Temi Natali allegati).

Per la stessa ragione una carenza o latitanza di valori Fuoco, e/o un Marte particolarmente indebolito o raffreddato, possono essere emblematici di un soggetto poco vitale, e quindi scarsamente passionale.

Ma l’energia marziana e l’ardore del Fuoco non bastano da soli a dar luogo alla passione: un’insistenza su tali valori potrebbe anche semplicemente connotare il Tema Natale di uno sportivo, di un amante instancabile quanto banalmente ginnico, o di un soggetto vitale, aggressivo, iperattivo.

E’ bene ricordare che la passione amorosa non coincide col sesso tout court: è una macchina complessa alimentata sì dal Fuoco (carica vitale), ma il cui motore (quel motore che succhia energia dal Fuoco o da Marte) è altrove, ben oltre l’immediata, semplificante e per certi versi primitiva espressione energetica e sessuale.

Se il sesso puro e semplice può anche essere estremamente gioioso e giocoso, nella passione amorosa è invece sempre presente (sia pur in misura variabile o transitoria), la componente del dolore. “Dolore, ultima forma di amore. Mi sento vivere quando mi fai del male, non in te, né qui, più lontano”, scrive Salinas, e George Bataille rimarca: “Proprio l’angoscia manifesta l’importanza dell’altro”.

L’amore passionale è assoluto, contraddittorio, angoscioso. Come sottolinea ancora Bataille: “L’amore ha per fondamento il desiderio di vivere nell’angoscia. Che non è il desiderio di perdere l’amato, bensì quello di vivere nella paura di una possibile perdita: solo a questo patto possiamo provare la violenza del rapimento al cospetto dell’essere amato”.

C’è nell’amore passionale la disponibilità a perdere pezzi di sé, ad annullarsi nell’altro e per l’altro, ma anche ad annullare l’altro.

La passione erotica scatena le energie della vita ma anche quelle del suo opposto, la morte, tanto che un altro nome per “orgasmo” in francese è proprio “piccola morte”: “E’ l’approvazione della vita fin dentro la morte”, scrive Bataille.

Lo smarrimento e la dissoluzione del sé in un assoluto che ammalia e atterrisce è comune tanto all’amore passionale quanto all’esperienza mistica: “L’eros è il desiderio di morire senza cessare di vivere, il desiderio di uno stato estremo che forse solo Santa Teresa ha descritto con sufficiente forza laddove dice: muoio perché non muoio!” (ancora Bataille).

E se a quell’assoluto l’amante non può (o non può più) attingere, in casi estremi: “…penserà di sopprimere l’oggetto d’amore o di uccidersi” (sempre Bataille).

Non solo sesso, non solo amore, non solo gioia, ma eros e thanatos: questa è la passione. Guardata con sospetto o comunque temuta dai grandi autori del passato.

A cominciare da Virgilio, che con la sua affermazione: “Amor omnia vincit” (“L’amore vince su tutto”), non intendeva affatto magnificare la potenza di questo sentimento, perché, come argomenta Francesco Lamendola, al contrario di quanto si può pensare: “… nella sua accezione l’invincibilità dell’amore era vista negativamente, come espressione di una sua natura crudele. Didone è una vittima infelice dell’amore-passione che giunge al delirio e al suicidio per colpa di questo sentimento ingovernabile”.

E sempre Lamendola aggiunge: “Catullo riconosceva che il suo amore passionale per Lesbia era una forma d’intollerabile smarrimento morale. … Ulisse rifiuta Nausicaa perché sa che la passione della giovane principessa dei Feaci in quel momento e in quel contesto provocherebbe solo guai”.

Nella mondo occidentale moderno, invece, romanzi, film e canzoni grondano di amore passionale, controverso, doloroso: “L’amore-passione spesso non è amore per la vita, ma la sua segreta, violenta e radicale negazione. Un’invenzione della società occidentale. L’Europa non ama più la vita: è questo il suo terribile segreto”, scrive Camus, che vede l’amour-fou come lucida follia, come pulsione distruttiva, come guerra mortale tra due eserciti costituiti ognuno da una sola persona.

Eros, ingovernabilità, distruttività, morte: qui di certo c’è lo zampino di Plutone, e con lui dello Scorpione.

E infatti nell’analisi dei Temi Natali quel che balza in primo piano accanto ai valori Fuoco è proprio il Pianeta dell’oscurità, della tentazione, dell’amoralità, dell’eversione (“La passione non ha legge”, dice Maupassant), quel grande dinosauro che pesca nei gorghi dell’inconscio, e conosce l’arte di trarre piacere dal dolore e luce dal buio, il Pianeta della sfida, del rischio, della manipolazione, dell’ignoto, del peccato e della trasgressione (“La religione ha fatto molto per il sesso facendone un peccato”, intuisce Oscar Wilde).

Può trattarsi di un Plutone in aspetto col Sole, con Venere, con Marte o con l’Ascendente, o che occupa le Case di Fuoco, oppure collocato nella sua sede prediletta (l’8°Casa), oppure di un Plutone totalmente beneficato o totalmente leso.

Ma la passionalità plutonica può essere veicolata anche da stellium planetari in 8°Casa, oppure da Pianeti personali (soprattutto Sole, Venere, Luna e Marte) collocati in Scorpione o nell’8°Casa.

Per la stessa ragione è plausibile che l’assenza di valori plutonici in un Tema Natale, specie se contemporanea ad una carenza di Fuoco e/o ad un Marte debole, possa suggerire una scarsa propensione a questo tipo d’amore.

Ma non basta. Non basta il Fuoco e non basta Plutone a creare i presupposti per una relazione passionale nel senso pieno del termine..

Perché l’amore passionale è fatto di eros e tanathos ma anche di gioia, di godimento, di appagamento: valenze che né il Fuoco né Plutone veicolano in modo compiuto.

In questo tipo di relazione è insito anche l’istinto a nutrirsi dell’amato, nell’inconscio desiderio di “incorporarlo”, di mangiarlo, un desiderio che probabilmente trae origine dall’archetipo amoroso per eccellenza: la madre. Quella madre da cui succhiamo nutrimento, protezione e presenza, e a cui ci lega un amore assolutamente carnale, sensuale, fatto di odori, sapori e sensazioni tattili.

Scrive Willy Pasini: “L’amore passionale condivide molte delle caratteristiche dell’amore del bambino verso la madre: la bramosia, la violenta gelosia, l’intolleranza e la frustrazione per il distacco e la distanza fisica”.

L’amore-passione è dunque anche fame dell’altro, una fame che non conosce sazietà: “La passione dura quanto più l’appagamento non è mai assoluto e definitivo. Finché dura la passione non ci si sente mai sazi” (Luigi De Maio).

L’amore passionale è in qualche modo una metafora del cannibalismo, e cessa di essere metafora per diventare concreta perversione in molti casi di serial killer che violentano, uccidono e letteralmente mangiano le loro vittime: manifestazione di un d’amore deviato e vorace che si ribella contro l’oggetto d’amore negato appropriandosene con brutalità, per punirlo, annullarlo e appunto inglobarlo letteralmente in se stessi.

L’eucarestia è a ben pensarci un’espressione di cannibalismo sacro: i fedeli mangiano il corpo di Cristo per partecipare al suo amore, e per diventare essi stessi parte del corpo dell’amato.

Voracità, sazietà, nutrimento, possesso, appagamento: sembrerebbero tutte valenze prettamente gioviane.

Ma cosa mai può avere a che fare il morbido, bonario Giove con la passione bruciante..?

C’entra eccome! Perché Giove (specie quello taurino) rappresenta la capacità di godere e di amare con tutti i sensi, dalla vista al tatto, dal gusto all’olfatto. Perché Giove è appagamento, capacità di darsi interi, ma anche possessività, voracità e insaziabilità. Perché Giove è legato alla materia, alla concretezza, a quell’oralità infantile che tanta parte gioca nell’eros.

Senza il suo apporto la relazione passionale sarebbe monca della parte gioiosa, perché Giove è edonismo, benessere, generosità, espansione, abbandono, piacere, materia.

Ah, come vorrei essere sabbia, sole, in estate!
Che tu ti distendessi riposata a riposare.
Che andando via tu mi lasciassi il tuo corpo,
impronta tenera, tiepida, indimenticabile.
E che con te se ne andasse sopra di te il mio bacio lento:
colore, dalla nuca al tallone, bruno.
Ah come vorrei essere vetro, tessuto, legno,
che conserva il suo colore qui,
il suo profumo qui,
ed è nato tremila chilometri lontano!
Essere la materia che ti piace,
che tocchi tutti i giorni, che vedi ormai senza guardare
intorno a te, le cose
- collana, profumi, seta antica  –
di cui senti la mancanza”.

(P.Salinas)

E non dimentichiamoci che Giove è amico e alleato di Marte-sesso: dal Sagittario forma trigono col Marte dell’Ariete e semi-sestile sia col Marte dello Scorpione che con quello del Capricorno; dai Pesci forma trigono col Marte dello Scorpione, sestile con quello del Capricorno e semisestile col Marte dell’Ariete; dal Toro forma semisestile col Marte dell’Ariete, trigono col Marte del Capricorno e opposizione con quello dello Scorpione (aspetto di tensione ma anche di interscambio dialettico tra due dei Segni più sensuali dello Zodiaco ).

C’è dunque nel placido Giove una cripto-aggressività, quasi una cripto-marzianità  di cui recano tracce i modi di dire: fulminare (Marte) con lo sguardo (Giove), ne uccide più la lingua (Giove) della spada (Marte), mangiare con gli occhi.

L’atto stesso del mangiare è un atto aggressivo e distruttivo, che solo la cultura ha edulcorato (e censurato) costruendoci intorno raffinati rituali.

Insomma, Giove in tutte le sue sfaccettature gioca un ruolo insostituibile nella relazione passionale.

Non ultimo quello di favorire quel pizzico d’incoscienza senza cui nessuno salirebbe su quella montagna russa che è l’amore-passione: l’amore è cieco, si dice, nel senso che spesso annulla il senso critico nei confronti del partner, e non è forse Giove proprio l’opposto del lucido, analitico e critico Mercurio..? E la “cecità” amorosa non potrebbe essere intesa come metafora di un Giove (vista) leso?

Non a caso le valenze gioviane sono sempre piuttosto marcate nei Temi che andremo ad analizzare: troveremo spesso Giove in aspetto con Sole, conla Lunao con Marte, Lune taurine, stellium in Toro o nelle Case 2° e 9°, oppure un Giove molto sostenuto o leso (quindi particolarmente vorace).

E chissà che dietro la comprovata potenza del Marte esaltato in Capricorno non si celi anche la trasparenza di Giove, e dietro la straordinarietà di certi Marte in Pesci o in 12°Casa l’apporto del domicilio base del Pianeta…

Ne deriva che un Tema Natale in cui siano assenti o carenti le valenze gioviane, sarà emblematico di uno scarso edonismo, di un senso del piacere in qualche modo appannato o frenato.

Riassumendo, gli elementi astrologici che veicolano la capacità e la spinta a vivere una relazione d’amore passionale sembrano dunque essere riconducibili a tre:

- l’elemento Fuoco

- le valenze plutoniche

- le valenze gioviane.

Notevole è ovviamente il peso di Marte, Pianeta dell’energia e del Sesso, Pianeta infuocato per eccellenza in qualunque sede venga a trovarsi, e che pertanto nell’analisi dei Temi Natali allegati verrà per brevità assimilato alle valenze Fuoco.

Il caso più comune è che una sufficiente componente di passionalità sia rintracciabile in un Tema Natale accanto alle componenti di romanticismo e di concretezza: la maggior parte di noi è in grado in misura variabile di vivere tutti e tre i “volti” dell’amore.

Ma laddove almeno due di questi tre elementi preponderino, e in assenza di forti valori aria o terra, ci troveremo di fronte ad un soggetto che rischia di non riuscire a vivere in modo soddisfacente altro tipo di relazione.

Per contro, una scarsa insistenza su valori gioviani, plutonici o di Fuoco, specie in presenza di forti valenze Aria o Acqua, può essere indicativa di una carica passionale debole.

Passiamo adesso all’analisi concreta di 9 Temi Natali selezionati tra i più emblematici e “parlanti”, di cui 8 appartengono a personaggi famosi ed 1 ad un soggetto non famoso presentato con uno pseudonimo:

1 – Michelle Hunziker

2 – Melanie Griffith

3 – Anna Magnani

4 – Aristotele Onassis

5 – Maria Callas

6 – Gerard Depardieu

7 – “Alessio”

8 – Frida Kahlo

9 – Diego Rivera

1 – Michelle Hunziker

La mia fantasia sessuale ricorrente? Fare l’amore in una vasca da bagno colma di cioccolato caldo fuso..!”, ha dichiarato in un’intervista la svizzera più amata dagli italiani.

Edonista, golosa, sensuale, possessiva e per sua stessa ammissione molto intraprendente e appassionata in amore, Michelle ha collezionato varie relazioni tempestose che per lo più stentano a reggere alla prova della convivenza e del tempo.

Nel suo Tema Natale balzano subito agli occhi le valenze gioviane (Giove seduto sul suo Ascendente in Toro, perfettamente sestile a Venere nei gradi di Giove dei Pesci, e trigono a Marte nella gioviana 9°Casa).

Marte è nel Segno della sua esaltazione (quel Capricorno in cui ritroviamo anche la trasparenza di Giove).

Non mancano i valori Fuoco:la Luna è nei gradi di Marte dell’Ariete, la cuspide della 5°Casa è in Leone e quella dell’8° è in Sagittario, Segno in cui si posiziona anche Saturno, mentre in Sagittario si colloca Nettuno.

La 7°Casa in Scorpione e il rapporto Plutone-Marte ricostruiscono valori plutonici.

2 – Melanie Griffith

Prima di Antonio Banderas (l’unico uomo con cui è riuscita a mettere in piedi una relazione stabile, sia pur all’insegna di frequenti crisi dovute anche ai suoi problemi con droghe e alcool), la vita sentimentale di Melanie Griffith è stata contraddistinta da rapporti molto passionali all’insegna di scenate, rotture e rappacificazioni: nel 1976 sposa Don Johnson da cui divorzia per sposare nel 1980 Steven Bauer, che lascerà nel 1989 per risposare Don, con cui però rompe definitivamente nel 1996 quando incontra Banderas (di cui si è fatta tatuare il nome sul braccio).

E’ ancora in corso una causa legale con Tatum O’Neal che la accusa di averla coinvolta dodicenne in un’orgia.

Nel suo Tema Natale i valori gioviani sono veicolati dall’Ascendente Toro e da un Giove in 5°Casa nei gradi di Venere della Bilancia, semisestile a Plutone e a Marte, (beneficato).

Valori Fuoco: Sole, Urano e Plutone in Leone; uno straordinario stellium in 5°Casa (la cui cuspide cade in Leone), costituito da Plutone, Marte, Mercurio, Venere e Giove.

Valori plutonici: Marte è congiunto a Plutone, il Discendente è in Scorpione.

3 – Anna Magnani

Passionale e tormentata, la “Nannarella” nazionale ha esibito sul grande schermo e nella vita la sua maschera tragica e intensa, e quel suo carattere indomito di cui era perfettamente consapevole: “Nessun uomo è mai stato in grado di dominarmi”, dichiarò in un’intervista. Di certo non l’unico marito, Goffredo Alessandrini, sposato nel 1935 e presto tradito con Massimo Serato di cui resta incinta (con grande scandalo) di un bambino venuto alla luce nel 1942 che porterà il cognome di Anna. Poco dopo comincerà la sua grande e travagliata storia d’amore con Rossellini che dopo alterne vicende la lascerà per l’algida e contenuta Ingrid Bergman (una Vergine, e quindi l’opposto di Anna anche come Segno zodiacale).

Valori gioviani: Giove in 1°Casa, trigono a Venere e quadrato a Marte; Luna e Marte congiunti in Toro (la Luna proprio nei gradi dell’esaltazione di Giove); il Sole nella gioviana 9°Casa.

Valori Fuoco: Venere in Ariete, Giove in 1°Leone, Sole e Saturno in 9°.

Valori plutonici: Venere nei gradi di Plutone sestile a Plutone, Sole quadrato a Plutone, Plutone trigono a Mercurio in 8°Casa, 5°Casa in Scorpione.

4 – Aristotele Onassis

Grande armatore, ma anche grande amatore, Onassis ebbe una lunghissima, infuocata e dolorosa relazione con Maria Callas che continuò a frequentare anche dopo il matrimonio con la vedova di JFK (Jackie), senza però farsi mancare una serie interminabile di amanti sporadiche di contorno.

Valori gioviani: Ascendente nei gradi di Giove dei Pesci, Luna nei gradi di Giove del Sagittario opposta a Giove, Giove in 2°Casa Toro trigono sia a Venere che al Sole.

Valori Fuoco: Luna in Sagittario, Marte congiunto all’Ascendente dalla 12°Casa Pesci (domicilio di Giove).

Valori plutonici: Marte quadrato a Plutone, Plutone totalmente leso nel Segno della sua esaltazione, 8°Casa in Scorpione.

5 – Maria Callas

Della divina Callas conosciamo il grande amore appassionato e per certi versi mortale che la unì a Onassis, ma anche quello intenso, sublimato e impossibile per Pier Paolo Pasolini.

Anche le sue intemperanze da diva e le sue idiosincrasie sono ascrivibili ad un temperamento impulsivo, esuberante e focoso.

Valori gioviani: Giove beneficato in 1°Casa nei suoi gradi del Sagittario e congiunto sia all’Ascendente che al Sole, stellium planetario in Sagittario, Venere in 2°Casa, Nettuno beneficato in 9°Casa

Valori Fuoco: stellium in 1°Casa Sagittario, Marte congiunto alla Luna, 5°Casa in Ariete.

Valori plutonici: Marte in Scorpione nei gradi di Plutone, Plutone in 8°Casa opposto a Venere.

6 – Gerard Depardieu

Grande, grosso, vitale, esuberante, edonista, eccessivo, trasgressivo, vorace, gran bevitore, eterno ragazzino, simpatica canaglia, passionale, infedele per statuto, Gerard Depardieu è considerato un sex symbol nonostante la stazza e i lineamenti irregolari.

Valori gioviani: Ascendente Sagittario, Venere in Sagittario nei gradi di Giove, Giove in 1°Casa congiunto al Sole, 5°Casa in Toro.

Valori Fuoco: stellium in 1°Casa, Ascendente e Venere in Sagittario, Marte beneficato in 1°casa sestile alla Luna, Marte in esaltazione.

Valori plutonici: Luna in Scorpione, Plutone beneficato in 8°casa trigono a Venere.

7 – “Alessio

Soggetto maschile non famoso, Alessio è un uomo affermato nel suo lavoro, deciso, ambizioso e concreto. Le sue relazioni d’amore, in genere molto lunghe sebbene in certe fasi anche piuttosto conflittuali, sono tutte nate sull’onda di una passionalità che non si è affievolita negli anni. La sue esigenze sessuali in certi casi sono considerate eccessive dalle partner che pure apprezzano la sua instancabilità, la sua energia e il suo gusto per la trasgressione. E’stato sposato, ha due figli, attualmente ha una compagna fissa.

Valori gioviani: Giove trigono a Marte, sestile alla Luna e opposto al Sole, Venere in Sagittario nei gradi di Giove, Marte nei gradi di Giove dei Pesci e nella gioviana 12°Casa.

Valori Fuoco: Ascendente Ariete, Venere in Sagittario, Venere trigona a Marte,  Luna opposta a Marte, 5°Casa in Leone.

Valori plutonici: Plutone in 5°Casa, Venere in 8°Casa.

8 – Frida Kahlo

Passionale, trasgressiva, bisessuale e grande seduttrice, Frida visse un solo vero grande amore che l’accompagnò fino alla morte: quello per il pittore Diego Riviera. Una relazione assoluta e travolgente, fatta di picchi e baratri, abbandoni e tradimenti reciproci, ma anche di accesa passione sessuale, affettiva e mentale.

Valori gioviani: Luna in Toro, Giove congiunto al Sole e opposto a Marte.

Valori Fuoco: Ascendente Leone, cuspide della 5°Casa in Sagittario, Marte in 5° Casa Capricorno.

Valori plutonici: Venere in Gemelli congiunta a Plutone, Plutone beneficato.

9 – Diego Riveira

L’amore appassionato e la sintonia intellettuale che mai vennero meno nei lunghi anni della relazione con Frida non impedirono a Diego di continuare a passare da un letto all’altro senza preoccuparsi del dolore che procurava alla donna che fu per due volte sua moglie e restò l’unica vera compagna di vita (la tradì persino con la sorella di lei).

Valori gioviani: Luna in Toro, Sole e Venere in Sagittario, Giove isolato in 2°Casa, stellium in 9°Casa.

Valori Fuoco: Sole e Venere in Sagittario, Marte in 5°Casa, Marte esaltato, Marte trigono alla Luna, 8°Casa in Ariete.

Valori plutonici: Plutone strettamente congiunto al MC

Il numero di Temi Natali analizzati è stato condizionato dal tempo a disposizione in questo seminario. Tra i moltissimi altri Temi che avrebbero potuto essere trattati segnalo come particolarmente interessanti per l’argomento in questione quelli di Carla Bruni, Liz Taylor, Luchino Visconti, Loredana Bertè e Angelina Jolie.

In conclusione, diamo uno sguardo al Tema (purtroppo non domificato, in mancanza dell’orario di nascita) del poeta Pedro Salinas, con il quale abbiamo aperto e adesso chiudiamo questo breve (e non esaustivo) viaggio nella relazione passionale.

-         Pedro Salinas

Della vita privata del grande poeta spagnolo si sa poco: si sposò piuttosto giovane per rimanere per sempre accanto alla moglie – amatissima e spesso sfuggente – che gli causò non pochi patemi, tenendo sempre viva in lui la passione.

Valori gioviani: Sole in Sagittario nei gradi di Giove, Mercurio e Venere in Sagittario, Giove in Pesci quadrato al Sole e quadrato a Plutone.

Valori Fuoco: stellium in Sagittario, Marte beneficato, Marte sestile a Venere e (assai probabilmente) congiunto alla Luna.

Valori plutonici: Plutone opposto al Sole.

Info sull'autore

Franca Mazzei, Acquario, vive tra Bari e Milano, Laureata in lingue, si occupa di Astrologia dai primi anni '80. È una delle firme di punta del mensile «Astra» e il suo oroscopo va in onda tutti i giorni su Radionorba e Telenorba. Collabora con BravaCasa, Speciale News Esselunga, Linguaggio Astrale, Ricerca 90, e siti specializzati del settore.. Suo l'Oroscopo 2012 per Radio Montecarlo e Io Donna. Fondatrice del Gruppo ARIA (Associazione Ricerche Astrologiche), partecipa a convegni e congressi con i suoi lavori di ricerca. È anche autrice di testi per il teatro e la televisione. Tiene Corsi e Stage di Astrologia morpurghiana in diverse città italiane: domenica 10 giugno è in programma a Milano lo stage "Sinastria" (analisi comparata dei Temi Natali di una coppia). mentre il nuovo Corso Intensivo di Primo Livello avrà inizio a novembre '12 (una domenica al mese, da novembre ad aprile). Info: francamazzei.6@gmail.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*