Benessere Olistico, News e Articoli

Iridologia naturopatica e cromopupullare

occhi
…nella vita di ogni persona
prima o poi accade qualcosa che la smuove,
che la colpisce nel profondo,
qualcosa in cui credere,
qualcosa per cui andare avanti,
qualcosa che permette la crescita

IRIDOLOGIA NATUROPATICA E CROMOPUPULLARE

Tra i metodi di analisi perseguiti e finora utilizzati, sia dalla scienza cosiddetta classica che anche dalla ricerca delle medicine considerate alternative, o meglio complementari o meglio ancora naturali, e in quanto naturali le più tradizionali nel vero senso del termine, nessuna analisi ha mai fornito dati sulla individualità della persona come l’analisi dell’iride ci permette di offrire e di analizzare.
L’analisi dell’iride ci permette di rilevare segni, colorazioni, lesioni sia attuali che passate che se ben collegate ci daranno un quadro pressoché completo sulle caratteristiche costituzionali della persona ed addirittura dati sui possibili interventi preventivi da attuare affinché le predisposizioni non possano tramutarsi in veri e propri sintomi, in vere e proprie malattie.
La disciplina iridologica è basata sul’analisi di una delle strutture tissutali più complete e più complesse dell’organismo, appunto l’iride che con miriadi di fibre nervose è collegata ad ogni parte del nostro corpo.
E’ un metodo mediante il quale si possono rilevare quelle marcature, quei segni più o meno profondi, che rappresentano le predisposizioni di ognuno di noi.
Questi segni rappresentano appunto un quadro dettagliato sull’integrità’ del nostro organismo, sulla sua capacità di difesa e di robustezza caratteriale e costituzionale oltre a permettere l’individuazione di eventuali” punti forti o punti deboli” e le possibili cause di sintomi o di sovraccarichi tossinici e batterici.
Quella che noi definiamo come iridologia naturopatica quindi non è altro che lo studio e l’analisi dell’iride non perdendo mai di vista quelli che sono i fondamenti essenziali e sostanziali della pratica naturopatica, ovvero la completa unità sia anatomica che fisiologica e strettamente funzionale dell’intero organismo.
Il tutto e non solo la parte o l’organo che ci interessa, vale a dire lo studio completo della Persona e della sua vita, del suo modo di vivere e di porsi a contatto con la propria esistenza, questo quindi per differenziare il nostro percorso e la nostra analisi dal concetto di iridologia medica e necessariamente settoriale, ogni settore un organo, ogni organo un problema, ogni segno una determinata patologia ecc..
L’iridologia naturopatica rappresenta invece l’analisi, lo studio, ma soprattutto la considerazione della persona nel suo complesso per poter stabilire gli eventuali squilibri e le cause vere e proprie di sintomi o di affezioni.
Esistono, logicamente, altre forme di analisi, altri metodi diagnostici che utilizza la medicina classica, metodi che vengono tuttora utilizzati e che certo sono importanti, che comunque vanno accettati e rispettati, quindi non si intende con l’iridologia rifiutarli o non considerarli validi.
Ma se riuscissimo ad avvalerci anche dell’analisi iridologica per supportare le analisi tradizionali, riusciremmo ad avere un quadro veramente completo della Persona e soprattutto venire a capo della causa che può intervenire ad affliggere la persona stessa.
Fortunatamente oggi l’analisi iridologica comincia ad essere abbastanza seguita, molto di più in altri paesi europei, ma anche in Italia non viene più considerata come un qualcosa di antagonista alla medicina classica o peggio ancora come pratica quasi di veggenza o di stregoneria.
Questo grazie a coloro che hanno sempre creduto in questo metodo non invasivo ma soprattutto grazie ai risultati ed alle persone che hanno saputo utilizzare con intelligenza e con volontà  l’iridologia per migliorare la propria qualità della vita.
E’ vero, ci sono ancora molte situazioni che intervengono ad osteggiare tutto quello che viene inteso come alternativo ma che è il naturale, il più naturale possibile, ma quando riusciremo ad apprezzare l’importanza di poter definire dall’esterno ciò che può succedere all’interno del nostro corpo, allora l’iridologia verrà veramente presa in grossa considerazione.
Una vera e propria innovazione in campo iridologico è rappresentata dall’analisi cromo pupillare, una disciplina ed uno studio unico nel suo genere, che si effettua utilizzando un iridoscopio di ultima generazione con diffusione di fonti di luce calibrate e colorate, permettendo  di analizzare la reazione delle pupille alle varie fonti di luce colorata ponendole  in relazione ai fattori energetici e agli stati emotivi della persona.
ROSSO
 Rosso
Questo colore possiede una energia molto calda.
E’ il colore con le maggiori caratteristiche di penetrazione dello schermo visibile.
E’ il colore del sole splendente, del fuoco e della vita.
Il rosso è collegato all’amore, alla gioia, alle passioni , al desiderio ed alla sessualità.
Il rosso rappresenta una condizione fisiologica di stimolo e di eccitazione, “fa ribollire il sangue” agisce sul cuore aumentando i battiti, stimola la circolazione sanguigna, alza la pressione arteriosa inoltre attiva sensi, fegato, polmoni e muscoli.
A livello psichico rende loquaci, eccitati, sereni, dinamici e passionali.
ARANCIONE
 Arancio
E’ un colore caldo, risultato della mescolanza di
rosso e giallo.
E’ il colore della serenità e della allegria.
Trovandosi a metà tra rosso e giallo, ha un’azione riscaldante, rallegrante ed energetica, ma non eccitante come il rosso né elettrica come il giallo.
Ha una forte azione stimolante sulla tiroide ed è indicato negli stati di insoddisfazione, psicosi, melanconia, depressione e paura.
Non aumenta la pressione del sangue, ma stimola il battito cardiaco e la capacità di espansione dei polmoni ed inoltre ottimizza l’attività della milza.
L’arancione stimola l’ambizione, riscalda il cuore, infonde allegria, amore del prossimo, entusiasmo, voglia di vivere, ottimismo.
E’ utile nei casi di apatia, depressione, pessimismo.
GIALLO
occhio_giallo(1)
È il simbolo del sole allo zenit ed è un colore caldo.
Favorisce la digestione, tonifica i nervi, regola lo stomaco ed ha un effetto rasserenante.
Dal punto di vista fisiologico è il colore più adatto agli sportivi perché incrementa il tono muscolare e dà una maggiore prontezza di riflessi.
Rafforza il sistema ghiandolare, stimola l’interesse per lo studio, la capacità di apprendimento ed agisce positivamente sull’intelletto (è il colore per l’emisfero cerebrale sinistro).
Tutte le malattie del tratto digerente trovano giovamento dall’irradiazione della luce gialla.
VERDE
Verde

Il verde essendo collocato al centro tra i colori freddi e quelli caldi ha una funzione di equilibrio ed è considerato un fattore neutro.
E’ il colore più diffuso in natura ed è simbolo di rinnovamento, di equilibrio, di speranza, di sviluppo e di fertilità.
Il verde riequilibra, infonde felicità e gioia ; è un colore sedativo, calmante, rilassante, promuove il benessere generale dell’organismo e ne aumenta la vitalità.

 

 

BLU

Blu

E’ un colore freddo, il colore della calma, dell’infinito, della pace, della serenità emotiva e dell’armonia.
Dal punto di vista fisiologico tende a far diminuire la pressione arteriosa, il ritmo respiratorio ed i battiti cardiaci.
Ha inoltre effetti antispastici, rinfrescanti, analgesici, rilassanti.
E’ il colore dell’ipofisi e del sistema endocrino.  E’ indicato per i dolori, nei casi di insonnia, di emorragie, nei trattamenti di impotenza e frigidità, mal di gola, mal di denti, punture di insetto e per ridurre gli stati febbrili.
A livello psichico combatte l’agitazione ed è particolarmente usato per i bambini irrequieti ed in psicoterapia per favorire rilassamento e distensione
INDACO
Indaco
Energia di tipo “freddo”
Colore “cosmico” dell’energia, rappresenta l’intuizione che sostiene l’attività meditativa.
Favorisce la capacità di ampliare la nostra comprensione e sviluppare l’intuizione.
Può giovare nei disturbi che colpiscono gli organi sensoriali come occhi, naso ed orecchie.
Ha un effetto anestetico, emostatico, rinfrescante, astringente.

Info sull'autore

nato a Locate di Triulzi (Milano) 1 ottobre 1959. Naturopata diplomato presso la Libera Universita' Italiana di Naturopatia Applicata. Heilpraktiker diplomato presso la scuola tedesca Heilpraktiker Fachschul di Saarbrucken (Germania). Diploma di Nouvelle Aromatherapie conseguito presso Istitut Francais des Sciences de l'homme di Nizza (Francia). Diplomi ed aggiornamenti in Iridologia di scuola francese, tedesca e russa. Gia' vice presidente della FNNHP (Federazione Nazionale Naturopati Heilpraktiker Professionisti) e membro dei comitati organizzatori dei congressi nazionali di naturopatia professionale. Vive a Milano e lavora principalmente a Milano e a Pavia, dove gestisce dal 1995 due studi di Naturopatia e Iridologia Professionale, oltre che in Emilia Romagna. Autore del primo libro di racconti naturopatici (Il sipario del cielo sfumato) pubblicato nel 2009.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*