Anima News, News e Articoli

Intervista a Michele Riefoli

L’Associazione Coscienza e Salute è lieta di presentarvi un’interessantissima intervista a Michele Riefoli, autore del nuovo libro “Mangiar sano e naturale con alimenti vegetali integrali, Manuale di consapevolezza alimentare per tutti”.
In questo libro dal taglio educativo-scientifico, ma con un linguaggio comprensibile da tutti, l’autore traccia un percorso di consapevolezza alimentare che, partendo dall’anatomia e dalla fisiologia della digestione e dall’osservazione dei Campanelli d’Allarme del corpo, porta a comprendere i principi fondamentali dell’Alimentazione Naturale, Integrale e Consapevole a base vegetale ben bilanciata e ben pianificata.
Abbiamo rivolto alcune domande all’autore, per capire meglio il suo punto di vista sulle interessanti tematiche da lui esposte. Buona lettura!

Perché essere vegetariani e smettere di mangiare carne, e soprattutto perché VegAnic? Quali sono gli effetti sulla salute dell’alimentazione vegetariana-VegAnic e perché andrebbe preferita questa tipologia di alimentazione piuttosto che quella “comune” che include anche carne, pesce, formaggi, ecc.?

In Italia consumiamo in media 87 Kg pro-capite di carne all’anno che corrispondono a 238 grammi al giorno. Uno sproposito. Numerosi studi epidemiologici indicano l’urgenza di ridurre drasticamente questi quantitativi a meno della metà (32 Kg/annui che corrispondono a non più di 90 grammi al giorno) . Sappiamo che i cibi vegetali contengono una quantità notevole di fattori protettivi per la salute capaci di contrastare malattie e invecchiamento, oltre che di dare salute e benessere. L’alimentazione comune basata sulla carne e sui suoi sottoprodotti è responsabile del 75% dei casi di tumori all’intestino nel mondo occidentale, del 50% dei tumori al seno e alla prostata. Le cattive abitudini alimentari che comprendono l’uso smodato di sale, di olio fritto o cotto e comunque di bassa qualità, di grassi saturi e di proteine animali, portano ad un abbassamento del livello di qualità della vita. L’adozione di un regime VegAnic è in grado di contrastare efficacemente questa spinta degenerativa, perché capace di garantire in poco tempo la perfetta regolarità intestinale, una pelle più sana, luminosa e giovane, un livello energetico ottimale, prestazioni fisiche e mentali superiori. Il sistema VegAnic, basato sull’assunzione prevalente di cibi vegetali come frutta, ortaggi, cereali integrali in chicco e moderate quantità di legumi e semi oleosi, è ricco di tutti i nutrienti essenziali che comprendono proteine di alto valore biologico, minerali e oligoelementi (compresi calcio e ferro), acidi grassi essenziali omega 6 e omega 3, carboidrati complessi a basso indice glicemico (che non fanno ingrassare), vitamine a iosa e fibra a non finire. Miliardi di animali vengono sacrificati (per non dire uccisi) ogni anno dall’uomo per soddisfare un non-bisogno e una non-necessità di nutrirsi. Certamente dobbiamo chiederci se sia etica e legittima tutta questa strage di innocenti. Forse è giunto il tempo di fare un salto quantico di coscienza e comportarci di conseguenza.

Qual è la differenza tra la dieta vegetariana o vegana, e VegAnic?

Innanzitutto una differenza in termini di approccio. Il sistema VegAnic è un percorso educativo di consapevolezza alimentare in cui si apprende ad osservare ed interpretare correttamente i segnali dell’organismo, definiti “campanelli d’allarme”, al fine di scegliere un regime alimentare che sia consono alla natura umana, ma che sia anche “vestito in modo sartoriale” sulle esigenze di ciascuno. Non si tratta quindi di un approccio semplicemente dietetico, basato sul calcolo noioso e improbabile di grammi e calorie, ma sul risveglio dell’istinto naturale e sulla semplificazione del programma alimentare.
In termini di cibo la dieta vegetariana prevede l’eliminazione di carne e derivati, pesci, molluschi e crostacei e consente l’utilizzo di latticini e uova, ma generalmente non fornisce indicazioni quantitative sia nell’assunzione di vegetali sia nell’utilizzo di derivati animali ammessi. I vegani escludono dalla loro dieta anche latticini e uova. Il sistema VegAnic fornisce a tutti, compresi i vegetariani e i vegani, gli strumenti di riequilibrio e di buona pianificazione dei pasti. Esso prevede l’utilizzo corposo e massiccio di verdure ed ortaggi (le più ricche di vitamine e minerali), di cereali in chicco o comunque integrali, di cereali e legumi germogliati molto energizzanti, e inoltre consiglia la riduzione o l’eliminazione di sostanze tossiche voluttuarie, l’associazione congrua degli alimenti, i modi di cottura adeguati, la pianificazione oraria dei pasti.

Lei ritiene che mangiare secondo il sistema VegAnic abbia anche un impatto sul pianeta e sull’ecosistema. Cosa vuol dire e in quale modo farebbe bene alla terra questo tipo di alimentazione?

L’alimentazione a base vegetale ha un impatto minimo o comunque molto inferiore rispetto a quello della carne e dei troppi cibi animali, sul pianeta, gli ecosistemi, il clima e l’ambiente. Basti solo pensare che per produrre 50 kg di carne l’animale deve consumare 790 kg di vegetali proteici. Una fabbrica che produce al contrario, cioè in netta perdita, e che impegna molti ettari di terreno in più per produrre mangimi. Ma per garantire la produzione di carne tramite gli allevamenti intensivi bisogna mettere in conto un abnorme sfruttamento delle risorse idriche. Una mucca da latte consuma per le sue necessità, 200 litri di acqua al giorno. E’ stato calcolato che per produrre 1 kg di hamburger vengono impiegati 25.000 litri d’acqua a fronte dei 1.100-3.000 litri necessari per la produzione di 1 kg di cereali.
La FAO nel summit di Copenaghen del 2009 ha confermato (quanto emerso già nel 2006) che gli allevamenti di carne nel mondo incidono per il 18% nella produzione di gas serra (metano in particolare, che è il peggiore) responsabili dei cambiamenti climatici del pianeta, del buco dell’ozono e delle relative conseguenze, a fronte della quota parte di produzione di gas serra dovuto all’intero comparto dei trasporti a livello mondiale (auto, moto, camion, navi, treni e aerei) che non supera il 13%. A questo si aggiunga che per produrre tutta la carne, porzioni sempre più vaste di foreste equatoriali e boschi vengono abbattute per far posto ai pascoli i quali hanno una durata produttiva di soli 5 anni, dopo di che si passa ad abbattere un’altra porzione di foresta. Le piante sono il principale baluardo contro i gas serra e vengono abbattute. Abbiamo così un doppio effetto negativo: da una parte immettiamo nell’atmosfera gas serra pericolosi e dall’altra eliminiamo il manto forestale che potrebbe proteggerci, il tutto per alimentare l’industria del bestiame. Bingo!
Aggiungiamo a tutto ciò gli effetti dell’inquinamento organico delle falde acquifere dovuto alle deiezioni degli animali e l’inquinamento inorganico dovuto all’uso di concimi chimici, antiparassitari ed anticrittogamici utilizzati in agricoltura a scopo zootecnico. In America il 70% dei cereali prodotti è impiegato ad uso animale e, inoltre, nell’agricoltura intensiva finalizzata alla produzione di mangime, con la chimica ci danno dentro.

Lei scrive che la consapevolezza alimentare e l’evoluzione della coscienza siano collegate. Come è possibile che l’alimentazione possa influenzare l’evoluzione della coscienza?

La coscienza non è altro che una maggiore sensibilità dello spirito umano nei confronti di un determinato argomento. Avere una coscienza ecologica significa essere sensibili ai temi della natura e dell’ambiente, avere una coscienza salutista vuol dire possedere una sensibilità nei confronti della salute e del benessere del proprio corpo e della propria mente. Ogni volta che mangiamo qualcosa stiamo dando un voto alle politiche economiche e alimentari dei governi e delle industrie, stiamo contribuendo o meno alla nostra salute e a quella del pianeta, stiamo determinando o meno la sofferenza di animali da macello o da allevamento, stiamo contribuendo o meno alla sofferenza di quei milioni di persone del terzo mondo che ogni anno muoiono di fame. Non è un fatto di coscienza tutto ciò? Inoltre, avere un organismo intossicato, contribuisce al malessere della persona che si riverbera sul suo stato mentale. Infine, l’abuso di carne e di cibi animali tende a rendere più aggressivi, e quindi ad alterare lo stato di coscienza e di percezione, stressando l’individuo e spingendolo a comportamenti indesiderati. Abbiamo bisogno di ritrovare noi stessi, in equilibrio con la nostra natura, nella salute e nella gioia di vivere, all’insegna di valori edificanti per lo spirito.

Perché è importante ascoltare il corpo, come lei afferma, e cosa vuol dire realmente?

Ascoltare le reazioni avverse o non del nostro corpo quando mangiamo qualcosa esercita la capacità di osservazione, ci aiuta a conoscere e rispettare il nostro organismo, ci induce a fare scelte più etiche e sensate, sviluppa la ragione e contrasta le spinte autolesioniste di alcuni meccanismi mentali che spesso si instaurano nelle persone fin dalla prima infanzia o ancor prima dal concepimento. Ascoltare il corpo significa che se quando mangio carne poi mi si blocca l’intestino e non vado di corpo, metto in relazione di causa-effetto ciò che mi succede e posso decidere di fare un cambiamento. Se ogni volta che mangio il sugo della domenica con il soffritto di carne e la braciola di manzo poi ho mal di testa tutto il giorno, forse ho motivo di cambiare questa abitudine insalubre e chiedere alla mamma un semplice sugo al pomodoro e basilico. Non ne faccio una questione ideologica, e quindi la stessa attenzione va posta sui cibi vegetali verso cui possiamo essere intolleranti. Questa è un’altra differenza del sistema VegAnic rispetto ad altri percorsi. Il problema è che spesso le reazioni avverse possono avvenire anche con ore o giorni di ritardo e questo rende difficoltoso per chi non sa ascoltarsi trovare la relazione di causa-effetto. Non siamo abituati ad ascoltarci e ad osservarci. Nel mio libro indico un sistema per imparare a riconoscere i campanelli d’allarme, ed è un sistema che non è mai stato descritto prima.

Questo tipo di alimentazione ha controindicazioni o può sviluppare carenze? E’ vero che i vegetariani soffrono di problemi legati a carenze proteiche o di altro tipo di privazioni? Bisogna farsi controllare spesso o fare spesso delle analisi? Se sì, quali?

Si può andare in carenza con qualsiasi tipo di alimentazione se non si pianifica bene e se non si fanno controlli per verificare periodicamente lo stato di salute. Le carenze a cui può andare incontro un vegetariano o un vegano ben informato che conduce un regime bilanciato dal punto di vista nutrizionale e ben pianificato, sono praticamente nulle. Ciononostante i vegani dovrebbero controllare almeno una volta all’anno i valori di vitamina B12 che è scarsa nel mondo vegetale, e se è il caso integrare. I valori di calcio, ferro, proteine ecc. vanno controllati, ma la mia esperienza di più di 25 anni mi dice che in un regime VegAnic ben condotto, sono quasi sempre nella norma.
I vegetariani, così come gli onnivori devono controllare periodicamente i livelli di colesterolo perché i cibi animali lo contengono. Gli onnivori devono controllare periodicamente i valori di creatinina e urea per il bilancio dell’azoto e la funzionalità renale, colesterolo, transaminasi epatiche, marcatori tumorali, pressione, e molte altri esami clinici che qui non ho spazio di elencare e argomentare ma che è possibile trovare nel mio libro al capitolo 39.
L’American Dietetic Association, una delle più importanti ed autorevoli organizzazioni di nutrizionisti del mondo, nella sua Posizione Ufficiale del 2009 afferma che “le diete vegetariane correttamente pianificate, comprese le diete totalmente vegetariane o vegane, sono salutari, adeguate dal punto di vista nutrizionale, e possono conferire benefici per la salute nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie. Le diete vegetariane ben pianificate sono appropriate per gli individui in tutti gli stadi del ciclo vitale, ivi inclusi gravidanza, allattamento, prima e seconda infanzia, adolescenza e per gli atleti”. La posizione mi pare sia chiara e che non lasci spazio a troppe interpretazioni, nemmeno quando si riferisce ai bambini e alle mamme in gravidanza o allattamento
Spero che presto si cambi rotta per il bene di tutti e dei giovani in particolare.

Info sull'autore

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*