Ricetta consigliata

Indivia Aromatica con Mousse di sesamo

indivia

L’indivia è una pianta tipica delle regioni mediterranee. Alcune fonti collegano il nome “endivia” con una probabile origine indiana dell’ortaggio.
Verdura leggera e rinfrescante, composta da circa il 95% d’acqua, l’indivia apporta pochissime calorie. Contiene in media il 2,7% di fibre tenere, soprattutto cellulosa ed emicellulosa, che le danno una consistenza soda e croccante. Molto elevata anche la presenza di vitamina C e vitamina B9, essenziali per le nostre difese immunitarie.

INGREDIENTI:

- 1 cespo di indivia
- 1 broccoletto
- 1 cucchiaio di thain
- 1 cucchiaio di pangrattato
- 2 cucchiai di spremuta di arancia
- 3 cucchiai di latte di soia
- 10 cucchiai di olio di soia oppure evo
- gomasio casalingo q.b.
- mandorle tritate q.b.
- timo fresco tritato q.b.
- sale e pepe q.b.

Lavare e mondare l’indivia, quindi dividere il cespo in due e condirlo con un trito di mandorle, gomasio, timo, pangrattato e sale grosso. Condire con olio ed inumidire con una spruzzata di acqua, quindi infornare a 180° per una mezz’ora.
Nel frattempo frullare la crema di sesamo (thain) con il latte di soia, aromatizzando con timo sale e pepe, e montare con olio a filo, sino ad ottenere una consistenza spumosa e solida, molto simile alla maionese, ma un poco più morbida.
Prima di sfornare l’indivia, scottare velocemente al vapore il broccolo cimato, giusto il tempo che assuma il colore di un verde brillante, restando ben croccante.
Servire l’indivia con il cavolfiore e la salsina a parte. Aggiustare di sale e pepe, chiudere con un filo di olio a crudo e servire.

FONTE: www.ricetteveg.com

Info sull'autore

appassionata di arte, si occupa da molti anni di teatro e recitazione teatrale. Prosegue i suoi studi nel campo dell’esoterismo, della spiritualità e della medicina alternativa e conseguita la laurea in Lettere, indirizzo teatrale, collabora con il Gruppo Anima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*