News e Articoli

Il Menu’ che non sarebbe finito in spazzatura

piatto

L’1 ottobre nelle scuole materne ed elementari è stato distribuito un menù vegano. L’iniziativa fa parte di un progetto ideato da Milano Ristorazione per avvicinare i bambini alla comprensione delle differenze alimentari per necessità e cultura; altre giornate prevedono infatti cibo mediorientale, celiaco o greco.
Il menù è stato concepito dal celebre chef Pietro Leeman. L’idea di suscitare la curiosità dei bambini proponendo un’alternativa alla dieta mediterranea è buona ma qualcosa è andato storto.
Lamentele e proteste sono seguite all’iniziativa. Tonnellate di tofu sono finite nella spazzatura.
Una grande occasione è stata sprecata. Ancora una volta i luoghi comuni sull’alimentazione vegana hanno avuto il sopravvento.
Scegliere una dieta priva di derivati animali vuol dire compiere un atto etico anche nei confronti dell’ambiente che certo si scontra con lo spreco operato.
Scegliere un’alimentazione vegana non vuol dire mangiare solo tofu o alimenti sostitutivi ma far propria la cucina naturale come atto d’amore e di consapevolezza.
Si sarebbe potuto servire ai nostri bambini piatti semplici e divertenti di cui la cucina italiana è già ricca. Alle volte senza apportare modifiche e altre con solo qualche piccola correzione il nostro patrimonio culinario ci offre migliaia di alternative vegane appetibili anche ai più piccoli.

Abbiamo provato a pensare ad un ipotetico menù che non avrebbe comportato sprechi o nasi storti.

Veronica Falcone

SFORMATINO DI RISO CON POLPETTE DI TOFU E PASSATA AL POMODORO

Per lo sformatine di riso:

INGREDIENTI

- 200 g di riso basmati
- 25g di burro vegetale
- Acqua fredda

Fare bollire il riso, scolatelo e non lasciatelo raffreddare. Aggiungete circa 25 g di burro fuso. Scegliete una coppetta, un semplice un bicchiere oppure un mestolo e immergetelo nell’acqua fredda per farlo raffreddare. Riempitelo di riso. Il fatto di immergere il recipiente in acqua fredda consente il riso di non attaccarsi alle pareti. Livellate il riso e capovolgete. Decorate con una foglia di prezzemolo e uno spicchio di pomodoro.

Per le polpettine:

INGREDIENTI (per 6 polpettine)

- 1 panetto di tofu al naturale
- 1-2 manciate a seconda dei gusti di olive verdi denocciolate e aperte a metà
- 1 ciuffo abbondante di prezzemolo
- 2 spicchi di aglio
- 2 cucchiai di pan grattato
- sale q.b.

Per la passata:

- 150 g di passata al pomodoro
- 2 cipolle
- Olio extravergine d’oliova q.b.
- Basilico
- Sale
- pepe

Utilizzando un mixer frullate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto granuloso. Lavoratelo con le mani e formate delle polpette, schiacciandole leggermente sulla sommità. Infornate dopo aver spennellato le polpette con dell’olio evo, a 180°, per pochi minuti, fino a quando non diventano dorate. In una padella fate rosolare la cipolla tritata finemente in un filo d’olio. Aggiungete la passata di pomodoro e un po’ di basilico. Unite le polpette e fatele saltare nel sugo, quanto basta per farle insaporire e amalgamare. Accompagnate il tutto al riso.

TIMBALLO DI PATATE E VERDURE


INGREDIENTI

- 4 patate di media grandezza
- 2 zucchine
- 2 melanzane
- 2 carote
- 1 cipolla rossa
- panna di soia
- sale
- pepe

Fare lessare le patate ed una volta cotte schiacciarle.
Tritare la cipolla e tagliate e listarelle le zucchine, le melanzane e le carote. Farle rosolare in una padella con un po’ di acqua. Quando zucchine, melanzane, carote e cipolla sono cotte unirle alle patate schiacciate. Aggiungere la panna di soia e mescolare in modo da ottenere un composto omogeneo. Regolate con sale e pepe. Suddividere il composto nelle piccole pirofile adatte alla cottura a forno e infornate a 180° fino a quando non si sarà formata la crosticina.

Info sull'autore

appassionata di arte, si occupa da molti anni di teatro e recitazione teatrale. Prosegue i suoi studi nel campo dell’esoterismo, della spiritualità e della medicina alternativa e conseguita la laurea in Lettere, indirizzo teatrale, collabora con il Gruppo Anima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*