News e Articoli, Scienza e Spiritualità

Guarigione, amore e felicità: il potere di autoguarigione

Il panorama relativo alle  malattie fisiche, mentali e spirituali è abbastanza impressionante, perchè da un lato assistiamo ad un aumento costante di molte patologie, anche di tipo degenerativo, dall’altro, la medicina ufficiale e le strutture che abbiamo a disposizione per la cura diventano sempre meno adeguate e scarsamente risolutive. Molti ospedali hanno problemi di accoglienza e di cura rispetto al numero sempre crescente di malati che necessitano di assistenza; anche per questa ragione,  il ricorso alle medicine non covenzionali è in costante aumento.

La salute viene minata continuamente da disagi di tipo sociale, da uno stile di vita inadeguato, dall’inquinamento sempre crescente dell’aria, delle acque e della terra, dall’elettrosmog, dalla mancanza di contatto con la madre terra e dallo stress, come causa originaria, oramai conclamata di moltissime patologie, ma credo che l’origine principale della malattia sia  dovuta soprattutto ad una mancanza di Amore vero verso sé stessi e verso gli altri.

L’Amore vero e la vera Felicità risiedano all’interno del nostro cuore in un luogo protetto e difeso da un labirinto pieno di trabocchetti e di ostacoli rappresentati fondamentalmente dalle stratificazioni più superficiali della nostra mente che tende a sabotare e ad impedire l’ingresso della nostra  consapevolezza all’interno di questo spazio sacro; uno spazio divino costituito da amore e felicità pura che quasi sempre vengono ricercati erroneamente e continuamente all’esterno di noi. L’amore è basilare  per la sopravvivenza della  nostra specie, ma spesso è  relegato alla sfera fisica e mentale e soltanto raramente può entrare nel regno della spiritualità; ecco allora che l’amore ordinario può trasformarsi in una trappola, nel senso che ci impedisce di aprire il passaggio energetico che va dalla mente al cuore per poter attingere alle energie e al potere di autoguarigione celato in ognuno.

Oggi viviamo all’interno di una dicotomia esistenziale, tra un amore ordinario e un  Amore straordinario, come stato dell’essere, relativo alla nostra natura divina, ispirata all’androginia spirituale, come completamento delle nostre parti femminili e maschili: siamo potenzialmente androgini, pertanto siamo completi nelle nostre potenzialità esprimibili, ma l’oblio della nostra natura spirituale e la mancanza di nutrimento dell’anima, non ci consente di attivare il potere di autoguarigione e di contrastare la manifestazione della malattia.

L’anima individuale, in armonia con l’anima universale, detentrice del grande progetto di riscatto dell’umanità, dopo la caduta nel regno della materia, ci richiama continuamente all’adempimento della nostra missione spirituale,  affinchè possiamo esprimere i nostri talenti nella direzione del risveglio, ma gran parte dell’umanità continua a vagare nelle stratificazioni mentali superficiali e quindi illusorie della mente, dove prevale la credenza che l’uomo sia separato dalla natura e dagli altri esseri viventi, senza che ci si accorga che stiamo vivendo in un ecosistema unico, materiale, sottile e spirituale.

Io credo che le esigenze più significative della vita siano di ordine spirituale e, a questo proposito, le emozioni e gli stati di coscienza  positivi, come cibo per lo spirito, possano giocare un ruolo molto importante, perchè  vanno a stimolare direttamente parti precipue della nostra mente e del nostro sistema endocrino, predisponendo la produzione delle sostanze ormonali che presiedono alla felicità alla salute e alla longevità.

Ogni individuo, oltre ad essere formato dagli elementi costitutivi che lo caratterizzano, come la terra, l’acqua, il fuoco e l’aria, è costituito da colori,  suoni, centri, canali energetici e geometrie sacre che ci collegano e interagiscono direttamente con le nostre strutture e spirituali.  Questo campo di energie cosmiche e terrestri va riattivato, riequibrato e armonizzato opportunamente,  per  consentire il raggiungimento di un reale benessere fisico, mentale e spirituale.

Attraverso tecniche mirate, basate sull’emissione di determinati suoni, come ad esempio il canto delle vocali e con l’immersione in veri e propri bagni di luce colorata, per la legge magica di rispondenza del simile al simile, si possono risvegliare armonicamente cromatismi e frequenze interiori che aprono le porte  della nostra mente profonda verso l’espressione del potere personale e spirituale, l’autoguarigione, il risveglio del maestro e del guaritore interiore,  il benessere, la felicità e la longevità.

Fabio Bacchilega, in Damanhur Nautilo Miglio

Info sull'autore

Si diploma come ragioniere nel 1960 presso L'Istituto “A. Oriani” di Faenza. Dal 1973 al 1979 si forma come istruttore di Hatha Yoga, Meditazione, Tantra e Pranayama, presso l'Istituto Yoga Viveka di Firenze, sotto la guida del Maestro Gianni Bencini. La sua passione verso le filosofie orientali lo porta a fondare il Centro “Uno yoga” a Faenza (1977), nel quale inizia ad insegnare yoga, pranayama e meditazione e a diffondere queste discipline in altre città. Sempre nel 1977 crea il Centro di Alimentazione Naturale e Panificazione “Uno alimenti”dove si specializza e tiene corsi di Cucina Naturale e di Panificazione. Dal 1977 al 1987 partecipa a numerosi seminari in diverse discipline nel campo della cucina e medicina macrobiotica con Michio e Aveline Kushi e del Pranayama (controllo delle energie vitali) con Swami Gitananda. Nel 1986 incontra Oberto Airaudi, fondatore di Damanhur e lo riconosce come Guida Spirituale. Presso la Federazione Damanhur frequenta con successo diversi corsi nei quali si specializza. Nel 1987 è tra i promotori della ricerca sullo Schema (mappa psichica) dei chakra, preludio alla riscoperta degli otto simboli di questi centri energetici. Innamoratosi della Scuola di Pensiero di Damanhur, percepita come sorgente di conoscenza, decide di investirci le sue risorse, fisiche, mentali e spirituali e dal 1988 si stabilisce nella Federazione. A Damanhur, inizia un vero e proprio processo di rinnovamento che gli consente di operare una svolta significativa nella sua vita, una rinascita sancita con la conquista del nome di animale (Nautilo) e dal nome di vegetale (Miglio). All'interno di vari gruppi, partecipa alla scoperta dei processi di attivazione sequenziale dei chakra nell'Era d'Acquario e dei 33 punti di accesso alle microlinee (canali di scorrimento energetico). La sua ricerca e sperimentazione continua in molti campi, fra i quali quello terapeutico, con la pranoterapia e la cromoterapia, quello artistico con l'Arte del Mosaico e quello dell'Arte Integrata alla Tecnologia, realizzando manufatti in mosaico e luci colorate. Negli anni prosegue la sua crescita con l'insegnamento dell'Armonizzazione Interiore e continua la sperimentazione nel campo della gestione delle energie vitali, tendendo a coniugare i principi della filosofia orientale con quella di Damanhur. Dal 1989 al 1992 collabora attivamente alla costruzione del Tempio dell'Uomo di Damanhur, nel campo della produzione artistica e della posa in opera di molte opere in mosaico, pavimenti e rivestimenti. Nel 1992 crea un Centro di Medicina Olistica a Faenza, dove inizia a curare e continua a tenere seminari e conferenze per un periodo di circa sedici anni. Nel 2007 scrive il libro “La chiave segreta dell'amore” e concepisce un percorso formativo che racchiude la sintesi delle sue esperienze nel campo della gestione armonica delle energie vitali. Nella primavera del 2011, dopo una fase delicata della vita, rinnova le sessioni individuali e i seminari perfezionandosi attraverso l'applicazione di nuove tecniche e metodologie. Le sessioni individuali si trasformano nelle “Sessioni Integrate del Benessere”, con diverse tecniche e modalità di attivazione e rigenerazione psico-fisica, mentre il corso “Imparare ad Amare” si trasforma in un vero e proprio percorso che ha come titolo: “La formula del Benessere, della Felicità e della Longevità”. Ha due figlie di 42 e 38 anni e quattro nipoti e la sua vita e i suoi sogni, continuano ad essere orientati verso la ricerca, la sperimentazione, l'insegnamento e il risveglio delle potenzialità dell'individuo e delle coscienze.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*