News e Articoli

Quando la fiaba diventa realtà

IMG_FIABA

In Crimea – Ukraina, in un villaggio di nome Rozovoe vicino ad Aluschta vive Vania, un ragazzo che ama ascoltare e leggere le fiabe… Potete chiedere, che cosa c’è di particolare nell’ascolto delle fiabe? La risposta si trova nella fiaba la “Scuola delle Conoscenze Magiche”, grazie alla quale Vania ha iniziato a sentire e parlare, pur essendo sordomuto dalla nascita.

La maggioranza delle persone hanno avuto risultati incredibili grazie alla fiaba “Scuola delle Conoscenze Magiche” di A.Petrov.

Prima di dormire molte persone leggono questa fiaba e ciò le aiuta a risolvere i loro problemi, entrando in quel mondo di sogni buoni e cosí la mattina si svegliano pieni di nuova energia, forza e gioia.

L’autore della fiaba – Arcadi Petrov, quando è arrivato nel maggio di 2009 in Ukraina ad una conferenza medico-scientifico-pratica, è diventato anche ospite desiderato per gli abitanti della campagna Rosovoe.

Olga Arcadieva con piacere racconta la storia della liberazione da tutte le malattie di suo nipote che nello stesso tempo è diventata anche la propria storia di guarigione.

Di seguito la lettera di Olga Arcadieva, scritta alla Fondazione di Arcadi Petrov:

 

“Quando per la prima volta ho saputo di Arcadi Petrov, Vania aveva 6 anni e studiava a Feodosia in una scuola per sordomuti. Là i bambini vivono per 24 ore al giorno nell’istituto, ma noi con Vania abbiamo affittato un’ appartamento vicino. Portavo Vania come se andasse in un asilo normale e poi alla scuola elementare. Ho visto tanti bambini malati e devo dire che vedere questo per me è stato molto doloroso e pesante. Prima della scuola, sperando sempre di poter guarire Vania, abbiamo fatto tante analisi in diverse cliniche di Mosca e a Kiev e abbiamo provato tutti i possibili metodi di medicina tradizionale e per mezzo anno abbiamo anche abitato a Mosca, pagando delle lezioni private per un dottore di logopedia. Attraversando tutto questo abbiamo ricevuto solo risposte spiacevoli, dicevano che questa malattia non può essere curata, che al bimbo può essere insegnato, ma ci sarebbero voluti minimo per 7 anni, sperando poi che lui riesca a parlare, ma nessuno poteva garantire questo. Io, invece avrei voluto che il nostro Vania diventasse un bimbo normale, capace di ascoltare e parlare, perciò leggevo continuamente tanta diversa letteratura con la speranza di trovarvi un suggerimento. Prima ho lavorato in chiesa e capivo che Dio era in grado di fare tutto: “semplicemente bisognava aprire il proprio cuore”, credere e sentire e mai tornare indietro in questo modo verrà data l’indicazione per la via di guarigione.

La primavera del 2008 mi hanno portato una copia del giornale “Albero della Vita è la via per se stesso”. A giugno mio figlio mi ha portato la trilogia di A.Petrov “Creazione del Mondo” e la fiaba “Scuola delle Conoscenze Magiche”.

Ho iniziato a leggere a Vania la fiaba di sera, non pensando se riuscirà a sentirla o no e percepivo che Vania dormiva con un respiro diverso, sempre meglio. Voi, penso, già avete conoscete quello che avviene grazie a questa fiaba: nella testa e nel cuore della persona arriva tranquillità e questa tranquillità si espande anche nella casa.

 

Passati solo due giorni dopo la prima lettura della fiaba di sera, prima che Vania si addormentasse; eravamo seduti nella cucina estiva, che si trova fuori della nostra casa e io dissi “Vania,Vania”. Lui come di solito stava con gli apparecchi per l’udito come fanno tutti i bimbi che hanno questo problema poi un attimo sento che lui mi risponde

“Cosa, cosà?” Noi tutti quanti siamo rimasti tanto meravigliati, “Come mai parla e parla con le parole della fiaba sia con l’accento che con la stessa tonalità?”

In questo momento dentro di me è comparso un sentimento di fiducia incredibile per aver avuto successo! Quindi, bisogna andare avanti. così ho iniziato subito a leggere la trilogia e l’ho riletta tre volte. Tramite il giornale “Dottrina segreta” ho trovato Tatiana Kalmikova che dirigeva in quel tempo il centro regionale della Fondazione di A.Petrov. Lei mi disse che A.Petrov dopo qualche giorno sarebbe venuto in Ukraina. Mi capite? Io aspettavo questo da tanto tempo! Grazie alla pazienza e alla forza di volontà e certamente con l’aiuto di Dio ho avuto la possibilità di frequentare il corso di base dell’ “Albero della Vita” e sono venuta ad un’incontro con Arcadi Petrov. Il mio Vania, come tutti i bimbi, di solito è molto vivace e sempre in movimento, ma in quel momento si trasformò in un angelo e per 3 ore rimase tranquillo. Ritornati a casa nostra mia figlia chiese a Vania: “Vania, come era lí?” Vania fece un sospiro profondo rispose, ” Lo zio è buono” e andò a dormire. Tutto qui! Conosco mio nipote bene, il suo stato era molto diverso in quel momento! Da quel momento abbiamo visto che la malattia aveva iniziato ad andare via e lo sviluppo di Vania iniziò ad andare avanti molto velocemente. La lettera continua …

 

 

Info sull'autore

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*